fbpx

In edicola

In edicola Monografia

La bellezza nel mondo antico

Il nuovo appuntamento con le monografie di Archeo affronta il tema della bellezza nel mondo antico. Un tema immortale che ha attraversato la storia e continuerà sempre ad esserne protagonista.

Archeo In edicola

Archeo n. 432 – Febbraio 2021

Diversi sono gli argomenti di interesse del nuovo numero di Archeo. Partiamo dagli scavi in via Alessandrina, passando poi per il restauro che ha interessato la Casa del Fauno. Proseguono le nostre rubriche e non manca lo spazio per uno speciale sulle strade romane e i nostri consigli sulle letture.

Archeo In edicola

Archeo n. 431 – Gennaio 2021

In questo numero: abbiamo visitato in anteprima la mostra "Pompei 79 d.C Una storia romana"; storia di una statua di Giove, che dall'alto Lazio è finita in Danimarca; e poi, quanto c'è di vero nella serie "Romolus"? Prima puntata dei luoghi del sacro. Come la dea Iside si trasformò nella vergine Maria.

Archeo In edicola

Archeo n. 430 – Dicembre 2020

In questo numero: Elamita; Domus dell'Aventino; Fenicia Malta; Prima del Profeta; SPECIALE Viaggio in Terrasanta. Editoriale - In una lettera dell’aprile 1819 indirizzata al pittore Friedrich Müller, Johann Wolfgang von Goethe esprime una convinzione divenuta – come spesso accade con le intuizioni dei spiriti sommi – luogo comune: «Si vede solo quello che si sa», scrive il poeta, specificando come «in realtà, si riconosca solo quello che si sa e si comprende». Goethe è stato il piú acclamato «scrittore di viaggio» di fine Settecento. Il suo Viaggio in Italia, ispirato dal soggiorno nella Penisola tra gli anni 1786 e 1788, viene pubblicato per la prima volta nel 1813 e, da quell’anno, entrerà a far parte della letteratura universale. Il pellegrinaggio nella sua «Arcadia» rappresenta, cosí...

In edicola Monografia

Moloch – Il dio che mangiava i bambini

Archeo Monografie n. 40 – Dicembre 2020/Gennaio 2021 Presentazione: «L’ultima apparizione» Gli organizzatori della mostra «Carthago, il mito immortale» – allestita negli spazi del Parco archeologico del Colosseo fra l’autunno del 2019 e la primavera del 2020 – si proponevano di raccontare tutta la storia della grande antagonista di Roma, dall’impero sul Mediterraneo antico fino al persistere, in età moderna, di vecchi e falsi miti. Non pensavano certo di risvegliarne uno, di tali miti, mai sopito del tutto: quello della terribile divinità assetata di sangue umano, presunta destinataria di riti cruenti.Un certo scandalo e qualche polemica ha suscitato, in effetti, l’enorme ricostruzione dell’idolo Moloch del film Cabiria, che accoglieva i visitatori all’ingresso della mostra. Non è piaciuto il mostro bene in vista, prima delle sale con gli oltre 400 reperti in vetrina che, tra...